28 agosto 2006

Sambucus nigra


Il sambuco, è una pianta che s’incontra frequentemente, durante le passeggiate nei boschi. In primavera è una delle prime a germogliare, i fiori, che sbocciano da aprile a maggio, raccolti in larghi corimbi, sono piccoli e bianchi, con un picciolo rossastro e hanno un caratteristico poco gradevole odore: essiccati i fiori, l’odore si trasforma in lieve e piacevole aroma; si usano per preparare un dolce caratteristico, la panigada o pan mein. I frutti che sono drupe globose di color nero violaceo, maturano a fine estate: e sono ideali per preparare gustosissime e versatili marmellate. Tutti gli anni Laura ne confeziona sempre diversi vasi: 800. gr. di zucchero per un Kg. di frutto. Il risultato è una marmellata dal sapore caratteristico, ideale per le crostate, ed eccezionale sulla macedonie.



Se raccogliete dei rami di sambuco, e con quelli battete un vestito appeso, ogni colpo sarà inferto ai vostri nemici. Bruciate sambuco nel caminetto dei vostri vicini, e le loro galline non faranno più uova.


2 commenti:

berso ha detto...

guarda, non ho ancora letto un post del tuo blog ma sappi che uno che mi si presenta con la cuffietta da letto, da me avrà sempre STIMA E PROFONDA AMMIRAZIONE!

a presto

sergiott ha detto...

o caspita... ma è un bendaggio da lobotomia.
Complimenti a te e alla tua cucina.

presto.