13 ottobre 2006

Frutta alla griglia


La brace, si sa dona ai cibi un sapore particolare, specialmente se si ottiene da legna particolare. I tralci di vite sono ottimi per la carne, i rami di ginepro sono insostituibili per cucinare il maialino da latte, anche le piante di basilico, opportunamente essiccate bruciando con altra legna donano un aroma eccezionale. Per le verdure preferisco usare legna neutra (quercia, betulla, melo). Le preparazioni fatte con la frutta, prediligono anche loro legna neutra, l’ideale sarebbe la stessa legna dalla quale provengono (mela-melo, pera- pero, ecc.).
Quando parliamo di banane, però e impossibile (non esiste legna di banano), pertanto la comune carbonella andrà benissimo.
La frutta alla brace, in particolar modo, dopo una bella grigliata (sia di carne sia di pesce) costituisce un eccellente dessert, tutto da scoprire e assolutamente da provare.
Banane alla griglia: serve una banana per commensale, sceglietele mature, e deponetele sulla griglia non troppo calda.
Quando la buccia sarà diventata completamente scura, saranno pronte. Portatele in tavola su un piatto con la loro pelle, ancora bollenti apritele su di un lato e insaporirtele, oggi ho usato sciroppo d’amarene al sole, ma andrà benissimo anche sciroppo d’acero, miele di castano, o semplicemente zucchero di canna.

5 commenti:

Francesca ha detto...

uh la banana alla brace non l'ho mai provata, mi sembra molto gustosa e golosa.Belle quelle amerene rossissime

graziella ha detto...

Attento che l'amarena cola sullo schermo!
Questa è proprio una nuova scoperta! Grazie!

Acilia ha detto...

Gran bella idea.
L'unico frutto che ho assaggiato sulla brace è l'avocado, in una ricetta insieme al petto di pollo e aceto balsamico. E mi è piaciuto molto.

Io opterei per il miele di castagno o magari anche una composta di fragole...

[Ho letto anch'io il libro che stai leggendo, "Al banchetto del mondo": è molto carino.]

anna maria ha detto...

Noto solo adesso il sottotitolo del tuo blog, da cui deduco che siamo attratti da un tema culinario in un certo senso comune.
P.S. Sai mica qual'e` il titolo inglese di "Al banchetto del mondo"?

sergiott ha detto...

Francesca>> provale assolutamente, piacciono a tutti.
Graziella>> lo schermo non è un problema, ma vedessi la tastiera!
Acilia>> sulla brace tutta la frutta è buonissima, il miele di castano effetivamente mitiga il dolce della banana.
Anna maria>> efettivamente stiamo percorenndo una strada comune.
il titolo inglese del libro è
Endless Feast leggilo, tu che vivi in America lo godrai senzaltro di più

a presto