05 dicembre 2006

Teatro in cucina


UNA DONNA …ora è il momento di aggiungere il brodo, unire la salvia, i funghi, i piselli e dei pomodori a cubetti. Cuocere per 30-40 minuti e servire ben calda. Se qualcuno lo gradisce, io l’accompagno con purè di patate…

UN UOMO Che bontà… Da farsi invitare… Ma stasera, o una di queste sere, secondo l’ordine dei maestri di cucina e dei cuochi esecutivi, è d’obbligo un piatto che ci porti in alto di qualche centinaio di metri: La crema di zucca con crostone all’aglio e filetto di salmerino alpino…

Sono battute di un copione teatrale; devo essere sincero, appartengono al primo episodio del nostro prossimo spettacolo. A prima vista sembrerebbero tratte da: “come cucinare il pesce di lago” ma purtroppo non è così, l’autore delle stesse, oltre a non essere un cuoco, a me, sembra che non mangi nemmeno pesce.
Queste battute dette su un palcoscenico faranno di sicuro un bell’effetto, ma sarà possibile realizzarle davvero?
Ho sempre pensato che cucinare sia come recitare, del resto la ricetta è un copione scritto che il cuoco, con la sua professionalità e con l’aiuto degli strumenti del suo mestiere, realizza e mette in scena. Si potrebbe dire “Teatro in cucina”, pensiamoci bene… che meravigliosa scenografia è una tavola bene imbandita, e poi quante volte riceviamo gli applausi dai nostri ospiti dopo un pranzo gradito!


La crema di zucca con crostone all’aglio e filetto di salmerino



Per la crema di zucca, mi sono avvalso dell’ aiuto di Orchidea, la sua interpretazione mi sembra proprio adatta per questa preparazione.

Dovremo comperare dei salmerini, ne basterà uno per persona, lavarli accuratamente, pulirli ed ottenere da essi i filetti ben spinati. A parte, con la testa e le lische, due foglie d’alloro, carota, sedano e uno scalogno spaccato in due parti, prepareremo un fumetto alquanto concentrato che useremo per cuocere i nostri filetti di salmerino, aggiungendo verso la fine un poco di vino bianco e due cucchiai di succo di limone.
La crema di zucca (tenuta in caldo) la usiamo a specchio sul piatto da portata, adagiamo sopra di essa i nostri filetti e in fianco a loro due crostoni di pane precedentemente tostato e aromatizzato con dell’aglio fresco.
Se tutto andrà come pensiamo… gli applausi saranno garantiti.

3 commenti:

graziella ha detto...

I voglio la parte di chi assaggia! Anche se non devo dire neppure una battuta, va bene lo stesso!

sergiott ha detto...

ciao graziella: potremo prendere in considerazione la tua proposta,
ma attenzione le ricette sono tante, sei sicura di farcela?

nini ha detto...

MM, da leccarsi i baffi!