28 luglio 2006

Sale al pesto

Sale al pesto
Hai preparato un buon pesto? Spero proprio con il mortaio. Non ti affannare per pulirlo, metti qualche cucchiaio di sale grosso, e… comincia a pestare. Ti troverai il mortaio pulito, e del sale aromatizzato. Ottimo per le verdure grigliate.


26 luglio 2006

Lo stinco di maiale




lo stinco marinato-affumicato-bollito e mangiato


Solito mercato, un poco di frutta, un salto al banco del pesce, uno sguardo a quello delle olive e dei sott’oli (il mio preferito), passo dal macellaio……. Quegli stinchi di maiale sono troppo belli; devo prenderne tre, per forza. Tornando verso casa decido, stinco-marinato-affumicato-bollito. Primo passo: pulire accuratamente gli stinchi, metterli a marinare con sale e qualche foglia d’alloro (pepe e altri odori sono facoltativi). Tre giorni in frigorifero basteranno sicuramente. Secondo passo, l’affumicatura a caldo (60˚-70˚), tre ore circa, con poco fumo possibilmente legna di castano. Terzo passo (se non saranno mangiati subito), dopo che saranno raffreddati, una bollitura leggera in acqua non salata, aromatizzata con due foglie d’alloro. Quarto passo, mangiali come vuoi…………e da bere? Un vino bianco aromatico magari un Riesling Alsaziano.


p.s. purtroppo non ho la foto, sono stati mangiati prima!

20 luglio 2006

Finisce sempre che si mangia

Finisce sempre che si mangia


Sarà l'estate, sarà che l'impegno viene a mancare, o forse che l'organizzazione evidenzia i propri limiti.
Una riunione tecnica è quello che ci vuole, del resto lo spettacolo non procede come dovrebbe.
Siamo al gran completo, regista, aiuto-regista, tecnici ed attori (solo i maschi), riuniti in conclave sotto la pergola di Antonio.
Succeda quel che succeda, ma da quì non si va via senza aver districato il bandolo della matassa.
Armi alla mano......... inizia la battaglia, la concentrazione è al massimo, i problemi vengono rimarcati, ognuno dà il suo parere, la soluzione è vicina.
Antonio si sottrae alla vista, qualcuno lo segue...........................
Ecco ritorna............ risotto-parmigiano e zucchine (del suo orto).
Tutti d'accordo. Finisce sempre che si mangia!!!!
e da bere? Vino rosso e acqua minerale, (Elio vuole la grappa, Bruno vorrebbe il caffé).


17 luglio 2006

La trota affumicata


Trota Affumicata




Andrea era un mio compagno di scuola, (parlo di tanti anni fa), ci siamo rivisti alcune volte, guidava i treni, (macchinista ferroviario, direbbe Francesco G.), l’ho ritrovato dietro ad un bancone di una pescheria, dove lavora con la moglie e lo zio.
Da allora ogni tanto ci vediamo, però l’ultima volta non c’era,ma lo zio, sempre presente mi ha venduto una grossa trota salmonata……Questa deve finire affumicata mi sono detto.
Pronti via ottieni due bei filetti ben rifilati, li metti ad asciugare ben cosparsi di sale aromatico, zucchero di canna
(un terzo in percentuale), e pepe nero.
Basteranno cinque o sei ore, a secondo del peso (i miei filetti erano circa un kg ognuno).
A questo punto, dopo averli lavati e asciugati, dopo non pochi ripensamenti ho deciso….. affumicatura a freddo!
Sei ore di fumo ottenuto con legna di melo….perfetti.
Con quelli, Laura ha preparato un antipasto buonissimo, mezzo pompelmo, avocado, trota affumicata, erba cipollina, olio sale e pepe.

16 luglio 2006

Le Costine del fabbro


Le costine del fabbro



Sua maestà…. La Costina di maiale. Chiunque di noi che nella vita, si sia cimentato almeno qualche volta con braci e griglia, avrà dovuto affrontare il grande problema.
Poi con l’esperienza, e tanti tentativi mal riusciti, finalmente avremo trovato il modo giusto, per cuocerla quello sarà per noi il modo perfetto, da quel momento non si cambia più.
Si dice che gli animali assomiglino al loro padrone, può essere vero, ma è la costina che riflette pienamente il carattere e lo stato d’animo di chi la cucina.
Starà a noi analizzarne il gusto, la consistenza, il punto di cottura, non per carpirne la ricetta, ma per conoscere meglio chi l’avrà cucinata.
Antonio, (fabbro-cuoco o forse cuoco-fabbro) cucina spesso per noi, grandi piatti, ricette conosciute, fatte alla sua maniera, artistiche, come i cancelli che fabbrica.

14 luglio 2006

Alici marinate

Alici marinate
Un buon antipasto, non impegnativo;
Prendi della alici freschissime, puliscile alla solita maniera.
In una bacinella di vetro metterai dell'aceto (io ho usato aceto di mele)
se vuoi che il sapore sia più delicato, potrai aggingere del vino bianco,
serviranno sicuramente una cucchiaiata di bacche di pepe nero.
A queso punto le alici vorranno sicuramente entrare da sole,
lasciale entrare, e lasciale quattro ore esatte.
Quando le toglierai dalla marinata portai condirle come ti pare,
(io ho usato una cipolla di Tropea e olio estravergine toscano).
E da bere?..... accidenti all'aceto!
acqua minerale.

11 luglio 2006

Sapore orientale



Sapore orientale

Prendi un cucchiaino di semi di finocchio, mezzo cucchiaino di cardamomo,
dell’aglio disidratato (a tuo piacere), una cipolla ramata, che avrai tritato
finemente, un poco di pepe nero in grani, metti tutto nel mortaio,
Quando avrai ottenuto una pasta omogenea, aggiungi l’olio d’oliva
come quando fai la maionese. Otterrai una salsa fantastica,
adatta per marinare quei pezzi d’agnello che riposano in frigorifero.

Cuocili sulla griglia un poco scostati dalla brace, un pezzetto di salsiccia,
mezzo pomodoro grligliato condito con la stessa salsa andranno benissimo.

I tuoi ospiti saranno felicissimi…….e da bere?
Müller Turgau freschissimo…il binomio sarà perfetto.

08 luglio 2006

Griglia e Pestello



Griglia e pestello, non solo…. anche il tagliere (di legno),una bella mezzaluna, dei coltelli affilati, un trinciapollo,
le fruste, per le salse, tanta fantasia, un poco d’esperienza
e la voglia di provare.