09 maggio 2011

Galletto

 

Galletto

Cinquant’anni orsono se si nominava la parola “Galletto” alla maggior parte di noi si materializzava nella mente la sagoma della famosissima motoretta Guzzi. Una sorta di scooter come quelli che sfrecciano nel traffico di tutte le nostre città. Si poteva scegliere fra due colori: o rosso Guzzi oppure un color avorio che tendeva al beige. Sulla carenatura anteriore faceva bella mostra di se l’immagine di un galletto con la coda multicolore. Era un periodo in cui s’incominciava ad assaporare un minimo di benessere che si traduceva nella possibilità di poter acquistare un mezzo di trasporto proprio. Non era ancora, in particolar modo nei paesi, la famosa motorizzazione di massa che incominciò solo alcuni anni dopo, ma a noi ragazzi, quei primi mezzi che rombavano sulle nostre strade ci facevano girare la testa. Non solo in senso metaforico.

Bastava sentire il rumore del motore, per sapere con assoluta precisione di quale volatile si trattava, e tra di noi era una gara che si protraeva fino all’ultima curva, quando la sagoma del motociclo si palesava al nostro sguardo. L’Airone aveva un suono cupo, martellante, inconfondibile. Lo Zigolo un suono sottile come l’acqua che scorre dai rubinetti lasciati aperti. Il Lodola era il fratello maggiore dello Stornello, pertanto il suo canto aveva perso le caratteristiche tipiche della voce dell’adolescenza e cantava con una vocione da giovanotto ancora imberbe. Nulla a che vedere con la voce baritonale che usciva dal tubo di scappamento dell’Astore.

Infine arrivarono i giapponesi con le loro motociclette con nomi impronunciabili, e in un certo senso la poesia terminò. Il galletto, con tutti i suoi simili tornò ad essere solamente un volatile in carne e ossa.


 

Galletto-Amburghese2

 

 

Galletto amburghese alla griglia

La carne del nostro polletto, come tutti ben sappiamo, è ricca d’acqua, pertanto sulla griglia si comporta in modo particolare: cuoce molto velocemente ma all’interno rimane cruda. Per questo motivo la cottura dovrà essere sorvegliata con attenzione. Dovremo incominciare con un calore moderato dato da una brace di essenza neutra (faggio, betulla), soltanto dopo che saremo sicuri che il calore abbia raggiunto anche le parti interne potremo rinforzare il calore in modo che si formi all’esterno una bella doratura e la pelle diventi croccante. Per ottenere un risultato impeccabile, bisognerà far in modo che lo spessore dei pezzi che metteremo in cottura siano il più uniforme possibile. Apriremo il galletto dalla parte della schiena eliminando completamente la colonna vertebrale. Ricordate di spuntare le parti più sottili delle ali (sono le prime che bruciano), e di tanto in tanto bagnate la carne con succo d’arancia in cui avrete messo a macerare qualche spezia.


Naturalmente tutto questo per l’ Abbecedario culinario della Famosa trattoria MuVarA

6 commenti:

Aiuolik ha detto...

Mio padre negli anni 60-70 (più 60 che 70 direi) aveva la Lambretta :-)

Senti, quand'è che posso venire a cena da te? Questo galletto come secondo andrebbe benissimo!!!

Grazie ancora per la partecipazione, l'abbecedario non sarebbe lo stesso senza di te.

A presto!
Aiuolik

sergio ha detto...

Naturalmente, quando vuoi. Porta, magari una bottiglia di canonau che ce la scoliamo alla salute di tutti.

un abbraccio

sergio

mariacristina ha detto...

Ciao, rispondo alle tue domande, ho aperto il blog nell'eatate 2009, sono di Milano. intanto complimenti per il blog, a presto.

Aiuolik ha detto...

Carissimo in attesa della nostra cena annaffiata con il cannonau :-) volevo dirti che avrei scelto la tua foto per l'abbecedario per la lettera G, citerò la fonte, ovviamente, ma se per motivi di copyright non ti va, fammi sapere!

Ciaooooo

PS Un hamburger non me lo prepari?

Aiuolik ha detto...

E anche la pagina della G è aGGiornata: http://abcincucina.blogspot.com/2011/05/g-come-gallina-galletto.html.

Grazie ancora per la partecipazione e alla prossima!
Aiuolik

PS Se vuoi che tolga la tua foto dimmi pure ;-)

sergio ha detto...

Restiamo d'accordo per l'hamburger
Mk.sergio


ciao